17 ott 2017 13:33:18
Novità
 


 

menù
 
 

Gallery
 
Immagini casuali
Random Image


 

Contatti
 

e-mail


 

Peace Reporter
 


Lella Costa


 

Cerca
 
Google

 

 

by Richard Fletcher

Joze Kotar, clarinet; Nicoletta Sanzin-Fabbri, harp. Robert Nicholas Charles Bochsa: Theme and Variations; Bochsa/L. Duport: Nocturne No. 1; Donato Lovreglio: Concert Fantasy on Motives from Verdi's La Traviata; Iwan Muller: Cavatina "Una voce poco fa" from Rossini's The Barber of Seville; Aubert Lemeland: Capriccio, Op. 43; Paul Reade: Suite from "The Victorian Kitchen Garden"; Igor Krivokapic: Capriccio for Eb clarinet and harp. SAZAS 107153. Total time 58:55. (distributed by ZKP RTV Slovenia, Dalmatinova 10, Ljubljana, Slovenia/ Web site: ) Performing and recording together as a duo since 1998, Mr. Kotar and Ms. SanzinFabbri have assembled an attractive collection of works for clarinet and harp. Joe Kotar, principal clarinetist of the Slovenian Philharmonic Orchestra since 1996, also serves as associate professor of clarinet at the Academy of Music in Ljubljana and the Ino Mirkovich Music Academy in Lovran. An active performer, Kotar also performs with the Ariart Woodwind Quintet, the Slovenian Clarinet Sextet, the Slovenian Clarinet Choir, and numerous other ensembles. Harpist Nicoletta Sanzin-Fabbri performs as a soloist and in chamber ensembles in her native Italy and abroad. She also appears regularly with Teatro Verdi in Trieste, Alps-Adriatic Youth Orchestra, RAI Symphony Orchestra, Teatro alla Scala in Milan, and since 1995 has been solo harpist with the Slovenian Philharmonic Orchestra. Robert Nicholas Charles Bochsa (1789-1856), one of the most prolific composers for harp, served as court harpist to Napoleon and to Louis XVIII. Unfortunately his success as a performer could not keep him out of trouble with the law and he was forced to flee the country in 1817 due to forgery charges. Settling in England, Bochsa again rose to prominence and was appointed professor of harp at the Royal Academy of Music. Bochsa's Theme and Variations, transcribed for clarinet and harp by Frederic Robert, is a short and thoroughly appealing work. Kotar's beautiful sound and delicate sense of phrasing add to the simple charm of the work. Nocturne No. 1 is highly virtuosic and demonstrates the tight-knit ensemble achieved by Kotar and Sanzin-Fabbri. Following a brief introduction the clarinet introduces a charming "music-box-like" tune that dominates the work. As the piece unfolds both performers are given brilliant, excellently executed cadenzas and ample passage work. The next selection is the technically demanding Concert Fantasy on "La Traviata" by Italian composer and flutist Donato Lovreglio (1841-1907). Originally composed for clarinet and piano, the Fantasy works remarkably well with harp. Sanzin-Fabbri's beautiful playing enhances Kotar's lyric, unhurried approach to this brilliant showpiece. Throughout the technical hurdles Kotar maintains excellent tone control, always emphasizing the lyricism of the work. Iwan Muller (1786-1854), born in Reval, Estonia of German parentage, is best known today for his excellent clarinet studies. An inventor of the highest order, Muller produced a new 13-key clarinet with improved intonation in 1809, was the first to use stuffed pads, and in 1817 invented the metal ligature. His travels eventually took him to all major European cities, where he avidly performed works of his own composition on his new instrument. His Cavatina (c. 1825) from The Barber of Seville is one of his numerous concert pieces. Played with brilliance and finesse by Kotar and Sanzin-Fabbri, Rossini's melodies are truly captivating in this performance. Aubert Lemeland's (b. 1932) Capriccio was given its first performance in 1976 by clarinetist Robert Fontaine and harpist Marlene Geliot. Conceived as a duet for equal partners, Lemeland's short Capriccio is a compelling work. The dance-like opening, highly rhythmic in character, is played with perfect precision by Kotar and Sanzin-Fabbri. Kotar's beautiful, fluid sound and delicate high register playing bring out the lyricism of the extensive slow section that follows. After a brief buildup of momentum the work hurriedly comes to a dramatic conclusion. Paul Reade's (1943-1997) imaginative Suite from The Victorian Kitchen Garden was first performed on BBC television by clarinetist Emma Johnson and harpist Skaila Kanga. Each of the five movements: "Prelude," "Spring," "Mists," "Exotica" and "Summer" are given splendid performances by Kotar and Sanzin-Fabbri. Mr. Kotar's fine legato playing and unhurried pace add to the appeal of the beautiful, flowing "Prelude," and his crisp execution of the birdlike ornaments in "Spring" makes this movement sparkle. "Summer," played with delicacy and flawless technique, brings this charming work quietly to an end. Igor Krivokapic's (b. 1965 in Ljubljana) Capriccio for E6 clarinet and harp was newly commissioned by Kotar and Sanzin-Fabbri for this recording. Tubist, composer, music teacher and radio editor, Krivokapic has written a variety of works ranging from those for symphony orchestra to various chamber groupings. Capriccio, conceived for this unusual combination, is strongly suggestive of Slavic folk song, yet according to the composer, does not include any actual folk melodies. Kotar fully captures the lyrical and highly virtuosic elements of this work, along with pure tone, flawless intonation and crisp articulation, all which serve to bring this disc to a brilliant close. This most recent recording by the outstanding Slovenian clarinetist Joze Kotar, in collaboration with harpist Nicoletta Sanzin-Fabbri, is one you will not want to miss. Recommended for both its excellent performances and interesting repertoire, Collage is a sure winner. The sound engineering is first-rate. English program notes are included.

"Between" (NR-CD-K-0067), l'ultimo CD di musica classica inciso dalla nota arpista triestina NICOLETTA SANZIN

di Elena Clescovich


Prodotto - con grande cura e professionalità - dalla giovane casa discografica lubianese Nika Records e realizzato dalla concertista, in coppia con il flautista sloveno MATEJ ZUPAN - con cui Nicoletta Sanzin mantiene una collaborazione artistica da quasi un decennio - l'album racchiude 7 brani per arpa e flauto poco o per nulla conosciuti dal grande pubblico. Si tratta di composizioni appartenenti per la maggior parte al repertorio romantico e contemporaneo, in cui si ebbe una vera e propria rinascita dell'arpa in campo cameristico.
Il perchè del titolo Between (che, come tutti sanno, in italiano significa “tra”) lo abbiamo chiesto a Nicoletta Sanzin. Ci ha risposto che il “tra” da loro inteso riguarda molte, infinite situazioni: “tra” uomo e donna, “tra” flauto e arpa, “tra” antichità e modernità, “tra” Bach e Golob, e, su questa traccia, “tra” qualsiasi cosa suggerisca la fantasia durante l'ascolto del CD.
Alcuni dei brani - le Two Medieval dances di M. Amorosi, la Sonata di N. Rota, i Cinque piccoli duetti di J. Françaix - sono state proposte dal vivo dai due solisti nel corso del concerto di presentazione del CD svoltosi il 6 maggio scorso, a Lubiana, nella bellissima sala del Hermes Soft Club. L'esecuzione è stata registrata dal programma Ars della radio slovena ed ha avuto grande successo di pubblico e di
critica.
Oltre ai pezzi menzionati sopra, il CD comprende la settecentesca Hamburger Sonata di C. P. E. Bach, la Sonata di Gaetano Donizetti, la Casilda fantasia di Doppler - Zamara, e A story from an ancient world del giovane compositore sloveno Rok Golob, concerto per flauto, arpa, archi e due corni (che i due solisti presentano in Prima esecuzione mondiale).
Fin dall'inizio, l'ascoltatore rimane colpito dalla perfetta fusione dei due strumenti e dalla ricchezza coloristica che gli esecutori riescono a creare, nel trascolorare stilistico e psicologico dei vari brani. Le più sottili sfumature espressive appaiono dosate con fine sensibilità.

Apre l'album la serena e bucolica musicalità della cosiddetta Hamburger sonata di C.P.E. Bach (1714-1788) - il cui vero titolo è Sonata per flauto e basso continuo in sol maggiore Wq. 133. Nell'esecuzione del basso un violoncello si aggiunge all'arpa, che ha qui un ruolo piuttosto “nascosto” .
Si passa quindi alle affascinanti armonie di sapore arcaicheggiante delle Two Medieval dances di Michael Amorosi - compositore italo-americano nato nel 1918 - in cui flauto e arpa dialogano allo stesso livello scambiandosi motivi e ritmi.
Anche la pensosa Sonata (1937) di N. Rota - uno degli autori preferiti di Nicoletta Sanzin - nei tre classici movimenti, vede l'arpa contrapposta al dolce ricamo melodico del flauto in un gioco continuo di dolorose, rassegnate riesposizioni e inaspettate seppur brevi “ribellioni”. Man a mano però l'atmosfera si anima finché nell'“Allegro festoso” finale si afferma una danza piena di gioia vitale, sottolineata efficacemente dagli arpeggi vibranti e decisi della solista triestina.
Segue la Sonata per violino (o flauto) e arpa (1823) di G. Donizetti, in due tempi contrastanti, dalla cantabilità melodrammatica che vede protagonista il flauto, con il suo intenso melodiare, esaltato dagli interventi armonici ricchi di pathos dell'arpa. Capriccioso e brillante il “pas à deux” del breve Allegro “Gallemberg”, secondo e ultimo movimento della Sonata, che Donizetti trasse da un balletto composto da Wenzel Robert, conte, appunto, di Gallemberg (1783-1839).
Sfavillante virtuosismo, mai fine a a sé stesso, e trascinante cantabilità: questa è la Casilda fantasia interpretata dal duo Zupan-Sanzin, che coinvolge l'ascoltatore in una festa di suoni e di colori. Il brano, composto da due dei virtuosi più celebri nell'Ottocento, F. Doppler e A. Zamara, rispettivamente di flauto e arpa, rielabora il tema principale di un'opera oggi dimenticata, Casilda di Ernesto II (1844-93).
Nell'esecuzione dei Cinque piccoli duetti proposta dai due concertisti, la giocosa e ironica musicalità di J. Fran¸aix (1912-1997) rivive in tutta la sua freschezza. Ogni branetto (hanno durata media di meno di 2 minuti) assume un suo carattere ben preciso e inconfondibile.
La tradizionale dolcezza e leggerezza degli impasti armonici propria del duo flauto/arpa nel brano conclusivo, il concerto (un vero e proprio “poema sinfonico”) A story from an ancient world del ventiseienne Rok Golob, viene arricchita e amplificata dagli interventi di archi, parti vocali e due corni. La fluidità e ricchezza melodica, come pure la mancanza di dissonanze evidenti rende questa composizione un romantico inno alla felicità, che assimila in sé varie tendenze stilistiche su cui sembra avere molto peso il ricordo dell'impressionismo francese.
Dedicato ai due solisti, che secondo le parole di Golob “assieme agli altri esecutori, forse senza saperlo, casualmente ma non per caso, raccontano una magica favola”.
Il canto del flauto è il vero protagonista; l'arpa lo accompagna fondendosi al resto dell'orchestra. Quando però emerge lo fa con passaggi veloci brillanti e di effetto o con brevi intense “oasi sonore”. L'esecuzione si mantiene comunque densa di significato e mai l'esigenza tecnica sopraffà quella espressiva. Nicoletta Sanzin

Nicoletta Sanzin possiede un “iter studiorum” di tutto rispetto: dopo il brillante diploma conseguito a Udine, ha frequentato corsi di perfezionamento negli Stati Uniti e in Italia, all'Accademia S. Cecilia di Roma, dove ha ottenuto il diploma in arpa e musica da camera con il massimo dei voti, lode e borsa di studio della S.I.A.E.
Il musicalissimo talento e la padronanza tecnica con cui affronta generi musicali di ogni tipo le hanno valso numerosi premi in concorsi nazionali ed internazionali (1º Premio “E. Porrino” di Cagliari, UFAM di Parigi, Città di Stresa, Salvi ecc.).
La sua carriera artistica si presenta altrettanto prestigiosa.
Svolge un'attività concertistica molto intensa in Italia che all'estero, sia in veste di solista che in formazioni cameristiche, talvolta inusuali (Arpa e Corno Inglese).
Collabora pure con orchestre di fama internazionale (dal 1995 è prima arpa della Slovenska Filharmonija di Ljubljana con la quale si esibisce anche in veste di solista), registra per numerose emittenti italiane ed estere, ed ha inciso, oltre a Between, altri CD 
anche di musica contemporanea (con brani spesso eseguiti in prima assoluta e a lei dedicati).
Si occupa anche della prassi esecutiva delle arpe storiche (gotiche), in collaborazione con il gruppo di musica medievale Dramsam 
di Gorizia).

Nato a Zagorje, Matej Zupan 
si è diplomato all’Accademia di musica di Lubiana con F. Rupel e successivamente si è perfezionato in vari masterclass.
È membro di numerosi quintetti a fiati, ha suonato in Slovenia, Europa, Stati Uniti e registrato per varie Radio.
Ha ottenuto svariati primi premi in concorsi nazionali.
Primo flauto dell’orchestra sinfonica RTV Slovenia, insegna all’Accademia di musica di Lubiana.



 MATEJ ZUPAN e NICOLETTA SANZIN in: BETWEEN

  Matej Zupan, flautista e Nicoletta Sanzin, arpa, entrambi conosciuti e apprezzati solisti in Slovenia e all’estero, dopo una collaborazione artistica quasi decennale, hanno inciso un album che racchiude brani di stile ed epoche diversi fra loro. La scelta delle composizioni permette di scoprire le ricche possibilità di entrambi gli strumenti, anche nella padronanza dei diversi stili compositivi.

Il loro connubio, arpa e flauto, che non si sente frequentemente dal vivo, è una preziosa fusione sonora, decisamente lirica e amabile, costantemente ricca dell’interscambio delle voci e nella convivenza coloristica.

         CONCERTO PROMOZIONALE

Matej Zupan e Nicoletta Sanzin hanno presentato dal vivo l’album BETWEEN domenica 6/5/2001 alle 18.30 nella bellissima sala del Hermes Softlab a Lubiana. Il concerto è stato registrato dal programma Ars della radio slovena. Sono state eseguite dal vivo: M. Amorosi TWO MEDIEVAL DANCES, N. Rota SONATA, J. Françaix CINQUE PICCOLI DUETTI.

         CRITICHE

Slovenec, agosto 1996: …. La Casilda Fantasia offre agli esecutori molteplici sfide virtuosistiche che gli artisti padroneggiano e suonano con il giusto atteggiamento musicale con grande gioia. L’esecuzione è stata convincente!

Druzina, settembre 1998: …. I musicisti dopo i calorosi applausi hanno concesso il bis. Ci è sembrato di uscire dalla chiesa in trance. Ma non stavamo dormendo. Siamo stati così conquistati dalle melodie che abbiamo viaggiato ad occhi aperti verso il magico mondo dei sogni.

Il Piccolo, ottobre 1999: …. È emerso un buon feeling ritmico sfoggiato dal duo sia nel virtuosismo travolgente della Casilda Fantasia che nelle fascinose atmosfere delle Two medieval dances…..

Delo, maggio 2001: …. Nel concerto di presentazione del disco hanno raggiunto un perfetto affiatamento musicale….. Il contenuto del disco è tale da coinvolgere sia gli ascoltatori esigenti sia quelli che ascoltano la musica “per buon mattino e bella giornata”.